Ricerca avanzata

CONDANNATI A PAGARE 2,5 MILIARDI DI EURO. SENTENZA CORTE DEI CONTI E' SORPRENDENTE E INGIUSTIFICATA

Roma, 20 febbraio 2012 - "Riteniamo sorprendente e del tutto ingiustificata la sentenza della Corte dei Conti che condanna i Concessionari al pagamento di somme esorbitanti per un preteso e non dimostrato danno arrecato allo Stato, conseguito a presunti ritardi e mal funzionamento della rete nei primissimi tempi dell’avvio della concessione” dichiara ACADI- Associazione Concessionari Apparecchi da Intrattenimento, costituita da Cirsa, Codere, Cogetech,GMatica e SisalSlot.

Ci saremmo in primo luogo aspettati un riconoscimento del fatto che l'intero settore delle slot, come rilevato da organi autorevoli come la Commissione Finanze e Tesoro del Senato nel corso dell’indagine conoscitiva del 2003, operava prima del 2004 nella completa illegalità, non generando naturalmente alcun ricavo per lo Stato e che solo grazie all'impegno e ai rilevanti investimenti dei 10 concessionari, individuati da AAMS con procedura pubblica nella seconda meta' del 2004, ha potuto avere successo la strategia dello Stato volta a sostituire rapidamente le pratiche di gioco illegale con l'offerta del gioco legale, controllato e sicuro; di fatto, il gettito erariale garantito dal comparto degli apparecchi in 7 anni (2005 – 2011) è stato complessivamente pari a quasi 20 miliardi di Euro e, su questa base inconfutabile, i concessionari ritengono di aver ampiamente assolto i loro doveri primari.

A fronte di tale opera, tra l'altro, i guadagni conseguiti dai concessionari sono stati una frazione dell'ammontare oggi contestato.

Inoltre, il collegio non ha considerato il contesto operativo nella sua interezza, in particolare il fatto che i concessionari, nel periodo in questione, si sono trovati ad agire in una condizione “assolutamente sperimentale” e "le cui difficoltà non erano preventivamente prevedibili"; non sono affermazioni nostre, ma del Consiglio di Stato, nel momento in cui ha definitivamente annullato le penali emesse nei confronti dei concessionari per i ritardi nell'avvio della rete.

E' molto probabile che tutti gli attori coinvolti ricorreranno in appello - conclude ACADI- e confidiamo che nelle valutazioni dei giudici di secondo grado vi sia pieno riconoscimento del contesto in cui i concessionari hanno operato e del grande contributo che hanno dato al settore del gioco e al Paese, riportando così nel suo giusto alveo, come peraltro fatto dal Consiglio di Stato, l’intera vicenda."

 

Ufficio Stampa ACADI

APPROFONDIMENTI
17 giugno 2024
Un altro cortocircuito della giurisprudenza nelle argomentazioni sugli strume...
acadi it 3-it-23242-condannati-a-pagare-25-miliardi-di-euro-sentenza-corte-dei-conti-e-sorprendente-e-ingiustificata 003
10 giugno 2024
Cortocircuito istituzionale tra Regione Lazio e Roma Capitale.  Anche do...
acadi it 3-it-23242-condannati-a-pagare-25-miliardi-di-euro-sentenza-corte-dei-conti-e-sorprendente-e-ingiustificata 003
8 giugno 2024
Sabato 8 giugno si è svolta la serata di raccolta fondi in favore de...
acadi it 3-it-23242-condannati-a-pagare-25-miliardi-di-euro-sentenza-corte-dei-conti-e-sorprendente-e-ingiustificata 003
Acadi
Associazione Concessionari di Giochi Pubblici
Privacy & Cookie Policy - Preferenze Cookie P.Iva 97472030580
Credits TITANKA! Spa