Ricerca avanzata

Riordino giochi online, approvato DL. Per ACADI dopo quello online, essenziale risolvere la questione territoriale

“Il Consiglio dei Ministri ha approvato definitivamente il decreto legislativo per il riordino del settore dei giochi online. Al riguardo lo abbiamo chiesto con diverse associazioni a fine 2023 e nel corso delle audizioni in Parlamento dei primi mesi del 2024: il riordino in realtà deve essere unitario e complessivo per tutto il comparto del gioco pubblico, proprio come immaginato dal legislatore della Legge Delega”, così commenta Geronimo Cardia, Presidente di ACADI (Associazione concessionari gioco pubblico).

Dicono di noi

La Verità, 12.03.2024
Maxi gara da 1 miliardo per il lotto. Limiti al contante per le scommesse
Leggi l'articolo

Gioconews, 12.03.2024
Riordino gioco, Cardia (Acadi): 'Dopo quello online, essenziale risolvere la questione territoriale'
Leggi l'articolo

Pressgiochi, 12.03.2024
Riordino giochi online. Per ACADI gravi conseguenze per la legalità e la tutela degli utenti
Leggi l'articolo

Agimeg, 12.03.2024
Decreto riordino giochi, ACADI: “Gravi conseguenze per la legalità e la tutela degli utenti”
Leggi l'articolo

Riordino giochi online, Acadi: "Ora passare al retail per tutelare l'utente e mantenere presidi di legalità e dei livelli del gettito erariale"
Agipronews, 12.03.2024
Leggi l'articolo

Jamma, 11.03.2024
Riordino giochi online, approvato DL. Cardia (ACADI): “Gravi conseguenze per la legalità e la tutela degli utenti”
Leggi l'articolo
 

Lanci di agenzia

GIOCHI: ACADI, RIORDINO DEVE ESSERE UNITARIO E COMPLESSIVO PER TUTTO IL COMPARTO = Roma, 12 mar. (Labitalia) - ''Il Consiglio dei ministri ha approvato definitivamente il decreto legislativo per il riordino del settore dei GIOCHI online. Al riguardo lo abbiamo chiesto con diverse associazioni a fine 2023 e nel corso delle audizioni in Parlamento dei primi mesi del 2024: il riordino in realtà deve essere unitario e complessivo per tutto il comparto del gioco pubblico, proprio come immaginato dal legislatore della Legge Delega''. Così Geronimo Cardia, presidente di Acadi (Associazione concessionari gioco pubblico). ''Nelle interlocuzioni c'è stato spiegato che una delle ragioni per le quali è stata data precedenza all'on-line è che il riordino del territorio richiederebbe più tempo perché deve passare in Conferenza Stato Regioni, per il superamento del problema della questione territoriale, per il superamento dei distanziometri espulsivi e delle limitazioni orarie troppo stringenti oggi previste per alcuni tipi di prodotti (nessuno parteciperebbe alle gare sapendo che non gli sarebbe poi di fatto consentito di mettere a terra i punti assegnati)'', aggiunge. ''Le 4 associazioni nei documenti comuni depositati nelle Commissioni lo hanno detto chiaramente: la Conferenza chiamata a risolvere la questione territoriale, che riguarda principalmente solo gli apparecchi, ma anche per certi versi scommesse e bingo, deve avere ben chiaro che le valutazioni sulle misure di contrasto al disturbo da gioco d'azzardo, oggi concentrate solo su poche tipologie di GIOCHI, devono fare i conti con la loro effettiva efficacia, con la comorbilità del disturbo e con i continui riversamenti della domanda di gioco su tipologie di GIOCHI non colpiti da queste misure della normativa locale che, nei fatti, si son dimostrate selettivamente espulsive, discriminatorie, disorganiche e, in quanto tali, non efficaci se non contro lo scopo", dice. " Allo stesso tempo, i conseguenti spostamenti della domanda di gioco su tipologie di GIOCHI non limitate dalle misure del territorio, che peraltro presentano una minore leva fiscale rispetto alla spesa, sono in grado di mettere a rischio l'invarianza di gettito che invece è presupposto dell'attuazione dell'intero riordino. In altre parole quel che conta oggi è che il riordino del territorio deve cominciare a vedere la luce prima possibile per non consentire un aumento del divario di trattamento tra quasi sempre stessi prodotti di diversi sistemi distributivi. E ciò non solo a tutela dell'integrità delle imprese e dei posti di lavoro impegnati nelle filiere del comparto del territorio ma, come detto, ancor prima per la tutela effettiva dell'utente, per il mantenimento dei presidi di legalità sui territori e per il mantenimento dei livelli di gettito erariale'', conclude Cardia. (Red-Lab/Labitalia)
APPROFONDIMENTI
15 luglio 2024
Un cimitero deve essere considerato un luogo sensibile perché frequent...
acadi it 3-it-349570-riordino-giochi-online-approvato-dl-per-acadi-gravi-conseguenze-per-la-legalita-e-la-tutela-degli-utenti 003
17 giugno 2024
Un altro cortocircuito della giurisprudenza nelle argomentazioni sugli strume...
acadi it 3-it-349570-riordino-giochi-online-approvato-dl-per-acadi-gravi-conseguenze-per-la-legalita-e-la-tutela-degli-utenti 003
10 giugno 2024
Cortocircuito istituzionale tra Regione Lazio e Roma Capitale.  Anche do...
acadi it 3-it-349570-riordino-giochi-online-approvato-dl-per-acadi-gravi-conseguenze-per-la-legalita-e-la-tutela-degli-utenti 003
Acadi
Associazione Concessionari di Giochi Pubblici
Privacy & Cookie Policy - Preferenze Cookie P.Iva 97472030580
Credits TITANKA! Spa