Ricerca avanzata

SBORDONI, AAMS OTTIMIZZAZIONE PLAUSIBILE

Roma, 19 giugno 2012 - Si riporta l'intervista rilasciata ad Agicos dall'avvocato Sbordoni sull'accorpamento dei Monopoli di Stato all'Agenzia delle Dogane.

Per l'avvocato Stefano Sbordoni, legale esperto di gaming, il problema che potrebbe nascere da questo accorpamento "potrebbe essere solo quello di un blocco di attività burocratiche a causa della riorganizzazione, blocco che per i giochi non credo sia sostenibile"

Il decreto varato venerdì scorso dal Consiglio dei Ministri prevede la soppressione dell'Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato, la cui attività confluisce nell'Agenzia delle Dogane. Ad annunciarlo il vice ministro all'Economia Vittorio Grilli. "Se la finalità è quella dell'ottimizzazione dello svolgimento delle funzioni di entrambi, Dogane ed AAMS, ben venga", a parlare è l'avvocato Stefano Sbordoni, legale esperto di gaming, in un'intervista rilasciata ad Agicos:

Cosa pensa dell'accorpamento dei Monopoli di Stato con l'agenzia delle Dogane? Una rivoluzione in atto o solo passi indietro? 

 

"La trasformazione di AAMS in agenzia era da tempo nell'agenda dell'esecutivo (considerato anche quello precedente). Se la finalità è quella dell'ottimizzazione dello svolgimento delle funzioni di entrambi - Dogane ed AAMS - ben venga. In quest'ottica potrebbe essere letto come il metodo meno costoso per la trasformazione in Agenzia. Resterebbero in tal caso le perplessità tecnico funzionali che furono manifestate nel corso del processo, di cui però una era quella relativa ai costi. Cioè - si diceva - una macchina che per fare le stesse cose consuma più benzina. Così forse dovrebbe consumarne meno. Se invece l'intento è diverso, allora il timore sarebbe forte. In definitiva non credo quindi si tratti di una rivoluzione (anche se potrei essere smentito nei giorni successivi). Ma in ogni caso attenti alle strumenta lizzazioni della notizia, specie a livello di mercato e soprattutto di mercato nero".

 

Crede che il progetto del governo sarà effettivamente portato a termine? Oppure il parlamento potrebbe porre veti?

 

"La risposta è quella sopra: nel caso si tratti di una semplificazione per la trasformazione di AAMS in agenzia, sarà portato a termine anche perché il percorso era già stato preparato.  Sarebbe in definitiva un soggetto pubblico che gestisce giochi, tabacchi ed altre accise. In caso contrario in fase di conversione del decreto mi aspetterei una discussione accesa, per dirla elegantemente". 

Quali sono le migliorie che l'agenzia delle Dogane potrebbe apportare? Quali problemi potrebbero nascere invece?

 

"Anche qui, come sopra. Le migliorie sono quelle già discusse e relative al diverso funzionamento di una Agenzia rispetto ad un ente autonomo come AAMS. A suo tempo scrissi un articolo dettagliato in proposito. I problemi possono nascere nella fase di organizzazione interna, nella ripartizione delle deleghe e nel loro esercizio, nella gestione del personale sia in fase attiva che passiva (tagli).

 

Ricordo che l'Agenzia delle Dogane è una delle quattro agenzie fiscali nate, il 1° gennaio 2001, dalla riorganizzazione dell'Amministrazione finanziaria stabilita dal Decreto legislativo n. 300 del 1999, che esercita attività di controllo, accertamento e verifica relative alla circolazione delle merci e alla fiscalità interna connessa agli scambi internazionali, dalle quali riscuote circa 15 miliardi di euro (IVA e dazi). Mentre dalla verifica e controllo (scambi, produzione e consumo) dei prodotti e delle risorse naturali soggetti ad accisa riscuote annualmente circa 30 miliardi di euro. Contrasta gli illeciti di natura extratributaria, quali i traffici illegali di droga, armi, beni del patrimonio culturale, prodotti contraffatti o non rispondenti alle normative in materia sanitaria o di sicurezza, nonché commercio internazionale di esemplari di specie animali e vegetali minacciate di estinzione, protette dalla Convenzione di Washington.

 

Da questa descrizione si può dedurre come la tesi dell'ottimizzazione delle risorse sia plausibile. La minaccia vera in tal caso potrebbe essere solo quella di un blocco di attività burocratiche a causa della riorganizzazione, blocco che per i giochi non credo sia sostenibile".

 

Ufficio Stampa ACADI

APPROFONDIMENTI
13 febbraio 2024
Si è tenuta questa mattina l'audizione presso la VI Commissione Fi...
acadi it 3-it-25804-sbordoni-aams-ottimizzazione-plausibile 003
7 febbraio 2024
Si è tenuta questa mattina l'audizione presso la VI Commi...
acadi it 3-it-25804-sbordoni-aams-ottimizzazione-plausibile 003
29 gennaio 2024
Il Tar Emilia Romagna censura l’effetto espulsivo regionale smentendo le ...
acadi it 3-it-25804-sbordoni-aams-ottimizzazione-plausibile 003
Acadi
Associazione Concessionari di Giochi Pubblici
Privacy & Cookie Policy - Preferenze Cookie P.Iva 97472030580
Credits TITANKA! Spa